Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

Pagina Facebook di Vivi Romagna Eventi Pagina Twitter di Vivi Romagna Eventi

Rubriche - FINANZA E CONSULENZA PATRIMONIALE

Parenti serpenti: il caso di Lucio Dalla
Parenti serpenti: il caso di Lucio Dalla

I passaggi generazionali a volte nascondono delle inside, e possono rivelarsi molto problematici.

Sia che si decida di redigere testamento per tempo, sia che non si faccia alcunché per tutelare il passaggio del proprio patrimonio, i casi di cronaca insegnano che la prudenza su questo fronte non va certo centellinata. Del resto, basti osservare quanto è accaduto alla morte di due grandi della musica italiana, ovvero LUCIO DALLA e LUCIANO PAVOROTTI, per comprendere quanto sia fin troppo semplice ritrovarsi invischiati in lotte ereditarie. 

 Analizziamo ora il caso di un famoso cantante per capire dall'interno le problematiche che si possono avere nel passaggio patrimoniale nelle eredità.

LUCIO DALLA

Lucio, scomparso il primo marzo 2012 a Montreux, in Svizzera, non ha stipulato alcun testamento, scatenando il caos in merito alla spartizione dei suoi averi. Così, dopo aver cercato invano per diversi mesi una qualche disposizione, si è dovuto necessariamente suddividere il patrimonio del cantautore bolognese secondo il codice civile, ripartendolo tra 5 cugini di quarto grado di parentela, unici eredi legittimi, a discapito di MARCO ALEMANNO. 

 Ed è stato proprio quest’ultimo compagno di Dalla da più di un decennio, nonché residente nella stessa casa da diversi anni, a pagarne il prezzo più alto. Infatti, in mancanza di una precisa volontà testamentaria, Alemanno non ha avuto diritto ad alcuna parte dell’eredità, peraltro estremamente cospicua. Si stima infatti che il patrimonio si aggirasse sui 100 milioni di euro e potesse contare su diritti d’autore relativi a ben 581 canzoni (con scadenza anno 2082), e fosse composto anche da un’abitazione, che condivideva con Alemanno, di 2400mq disposti su tre piani in Via D’Azeglio a Bologna, una Villa in Sicilia, una alle Isole Tremiti, e tantissimi altri beni immobili, tra cui un appartamento a Urbino ed alcuni terreni in Abruzzo, una barca di 22 metri e le quote di partecipazione di due società di produzione: la Assistime spa e la Pressing line srl.

Nell’appartamento bolognese erano inoltre custodite opere d’arte, tra cui viene annoverato un Klimt e cimeli musicali di altissimo valore. A poco sono servite le dichiarazioni rilasciate da Alemanno, una volta rotto il riserbo che ha cercato di mantenere sulla vicenda fino all’ultimo momento: “I parenti fanno finta che io non esista, negano l’evidenza”, polemizzava sulle pagine del corriere della sera quando la disputa era al suo apice. Nonostante questo, per un primo momento gli venne concesso di rimanere nell’abitazione di via D’Azelio, la casa dove tuttavia si sentiva alla stregua di un prigioniero. 

Se devo andare in un altro spazio della proprietà”, - si legge sempre dal corriere della sera - “dove ci sono oggetti o le opere d’arte che Lucio mi ha regalato, deve esserci un testimone attento chissà che non rubi nulla. Mi hanno tolto le chiavi, hanno cambiato la serratura. C’è un curatore, che sta in mezzo, tra me e i cugini” rimarcava quei giorni Alemanno. Un anno più tardi nel 2013 gli eredi hanno stabilito di mettere in vendita l’appartamento situato nel centro di Bologna per pagare le SPESE DI SUCCESSIONE.

Altri articoli

  • Il Caso Lehman Brother
    Il tema di oggi "La lezione dimenticata del 2008", il Caso Lehman Brother a 10 anni di distanza. Cosa abbiamo imparato in questi 10 anni e cosa è successo ai nostri investimenti?CONTINUA
  • Video presentazione aziendale
    In questo video Paolo Badiali, fondatore dello studio di consulenza finanziaria e patrimoniale insieme al Dott. Mario Chinellato, ci presenta le attività di cui lo studio si occupa: investimenti, finanzia, passaggio generazionale e successione ecc...CONTINUA
  • Famiglia Caprotti
    "Eredità Capriotti", alla segretaria del patron Esselunga vanno 75 milioni di euro” Alla storica segretaria di Bernardo Caprotti, Germana Chiodi, vanno 75 milioni di euro, ossia la metà dei risparmi del fondatore di Esselunga.La fedele collaboratrice che ha maturato una pensione da dirigente e m…CONTINUA
  • Il patrimonio della Famiglia Armani
    La scelta dello stilista Armani di lasciare quello che ha costruito in quarant'anni a una fondazione per la conservazione del suo patrimonio.Sarà la Fondazione Armani a prendere in mano il timone futuro del gruppo, secondo regole vincolanti e rigidi criteri fissati dallo stesso stilista che, in que…CONTINUA
  • La successione nella Famiglia Berlusconi
    In questo caso il Cavaliere ha scelto di costituire quattro holding, tutte in forma di società per azioni, che controllano ancora saldamente la Fininvest, di cui ha il 61,2%.I figli di primo letto, Marina e Pier Silvio, hanno a testa una quota della holding pari al 7,65% attraverso due società per…CONTINUA
  • Mr Berlucchi - Vende l'azienda ai figli
    Da un articolo di Luciano Ferraro vediamo cosa si dice sulla famiglia Berlucchi. Mr. Berlucchi: «Ho dato una lezione ai miei figli, vendendogli l’azienda».Franco Ziliani racconta come si fa un passaggio generazionale: si sono indebitati per ricomprare il gruppo dove già lavoravano. Impareranno …CONTINUA
  • La successione all'interno delle grandi famiglie
    Quando si parla di successione all'interno delle grandi famiglie, si pensa inanzitutto a come preservare l'azienda, i dipendenti e il capitale. La continuità aziendale è tutto, e non è garantito che gli eredi ne siano in grado.Problemi comuni che riguardano le grandi famiglie, che diventano sempr…CONTINUA
  • La battaglia per il patrimonio - Luciano Pavarotti
    Un caso davvero significativo, quello legato al patrimonio di Luciano Pavarotti, scomparso il 6 Settembre 2007 a Modena, che malgadro abbia redatto ben tre testamenti nell'arco della vita ha scatenato una vera battaglia per accaparrarsi il suo patrimonio.  Nonostante il tenore, nell'arco della…CONTINUA
  • La guerra tra i famigliari di Pino Daniele
    Va sempre a finire così quando si spegne un nome importante: chiusa la fase del dolore e della commozione, si cominciano a fare i conti. E nel caso di Pino Daniele si tratta di conti di un certo peso perché si parla di depositi, titoli, azioni societarie, beni immobili e diritti d’autore. Il pa…CONTINUA
  • Oriana Fallacci: una famiglia dilaniata per un testamento
    La partita in casa Fallacci è chiusa: il testamento di Oriana è autentico e l’erede universale del patrimonio della celebre scrittrice, fra cui i diritti d’autore, casa a New York, archivio, crediti e conti bancari, risulta essere, il nipote Lo ha stabilito, di fatto, il gip di Firenze Angelo …CONTINUA
  • Pietro Mennea - Il giallo sulla sua eredità
    Dopo la morte di una persona cara, possono nascere dei dissapori per la sua eredità. Uno dei casi è quello di Pietro Mennea, il cui testamento potrebbe essere falso secondo i suoi fratelli.I fratelli del velocista mondiale dei 200 metri, Enzo, Luigi e Giuseppe hanno impugnato il testamento dell’…CONTINUA
  • Se chi viene a mancare non lascia un testamento...
    Il testamento è l’unica opportunità che si ha, quando si è in vita, di scegliere cosa lasciare e a chi. Se chi viene a mancare non lascia un testamento. Quando manca il documento successorio, la legge mira a favorire i soggetti che in vita avevano rapporti affettivi più stretti con il defunto…CONTINUA
Vivi Romagna Eventi - Gruppo Vivi Romagna - Elevel srl - P.IVA C.F. 02422490397 - Privacy Policy